• Sab. Set 26th, 2020

FARAFINA'S VOICE

"La cultura non fa le persone. Sono le persone a fare la cultura. Il razzismo non dovrebbe esistere, però non vinci un biscotto se lo combatti" – Chimamanda Ngozie Adichie

L'Etiopia richiede la restituzione dei suoi tesori storici all'Inghilterra

L’Etiopia accentua la pressione sulla Gran Bretagna e chiede a Londra di restituirle i tesori culturali derubati dalle truppe britanniche nella metà del XIX secolo.

national museum of Ethiopia
National Museum of Ethiopia

Di fronte al menefreghismo degli inglesi, la capitale etiope Addis-Abeba si offende:
“Abbiamo diversi documenti scritti che dimostrano che è stata condotta un’operazione pianificata e organizzata per saccheggiare Magdala, sostiene Ephrem Amar direttore del Museo nazionale d’Etiopia. Sappiamo anche che questi tesori sono al British Museum. È stato chiaramente stabilito da dove provengono questi oggetti e a chi appartengono. La questione principale non è mai stata di prenderli in prestito. L’Etiopia vuole riavere i suoi tesori rubati. Non prenderli in prestito”.
british museum
British Museum

Ciò che chiediamo, è la restituzione del nostro patrimonio derubatoci durante il saccheggio di Magdala, 150 anni fa.

Tutto ebbe inizio con l’attacco contro l’imperatore Teodoro Etiopia nel 1863. Dopo la sconfitta delle truppe etiopi, quelle britanniche derubarono Magdala, allora capitale dello stato.
“Non stiamo chiedendo un prestito. Ciò che chiediamo, è la restituzione del nostro patrimonio derubatoci durante il saccheggio di Magdala, 150 anni fa. Abbiamo fatto richiesta nel 2007 e ancora nessuna risposta”, conclude la dottoressa Hirut Woldemariam, ministro della cultura etiope.
Tra gli oggetti saccheggiati nel 1868, ci sono 300 manoscritti preziosi e una corona d’oro che Londra ha proposto di dare in prestito ad Addis-Abeba; un prestito del quale la capitale etiope non ne vuole sapere.
Andress Kouakou

Andress Kouakou

Andress Kouakou

Dottoressa in Mediazione linguistica e in Giornalismo e cultura editoriale, Andress Kouakou è nata in Costa d'Avorio dove ha trascorso una parte della sua adolescenza. Si è poi trasferita in Italia, all'età di 14 anni tramite ricongiungimento famigliare, dove ha proseguito la sua formazione scolastica. Prima di abbracciare il sogno delle parole, aveva scelto l'ambito meccanico nel quale ha conseguito il diploma. Un perito meccanico che sceglie le lingue, possiamo dire che la sua è una vera e propria riconversione ;) Ha così concluso il suo percorso universitario con un tirocinio a Parigi in una web radio dove ha acquisito competenze orali e tecniche.

Dai, lascia un tuo parere!