Un altro “ismo” discriminatorio da conoscere: il tribalismo

Uno dei drammi più persistenti dei paesi africani è il tribalismo che affligge la società e le mentalità. Come tutti gli altri “ismi” discriminatori, anche il tribalismo comporta conseguenze negative.

Il tribalismo, come sentimento di appartenenza a una tribù, ovvero a un gruppo di esseri umani che condividono la stessa cultura fondata su una lingua, è un fenomeno culturale anziano del tutto normale. Si traduce in ogni uomo, come coscienza della propria identità e dei doveri culturali e morali legati ad essa. Finché riguarda solo l’affermazione di un’identità, il tribalismo non è considerato né come un vizio, né come un difetto. Il problema sorge quando si infiltra nella politica o nelle unioni matrimoniali.

Il suffisso “ismo” aggiunto a una parola indica la prevalenza su un qualcosa. Esplorando la definizione di questa parola da un’angolazione diversa, si direbbe che il tribalismo è la priorità data a una determinata tribù a discapito di una o più di un’altra. Così in Africa, si può definire il tribalismo come una fonte di conflitto interetnico basato sul fatto di valorizzare la propria identità, la propria tribù o la propria etnia a discapito di quella degli altri e legato alle ineguaglianze sociopolitiche.

Gran parte dell’Africa è diventata una società basata sul patrocinio piuttosto che sul merito e ciò alimenta il tribalismo. Gli uomini a capo dei partiti politici al potere, che gestivano i posti di lavoro, li hanno distribuiti in modo opportunista e tribale. I dirigenti mettevano ad occupare posizioni alte, amici, parenti e alleati provenienti dalle loro regioni senza controllare la capacità che questi avevano per svolgere tale compito. Persone adatte a questo lavoro, con le capacità intellettive e i talenti richiesti, venivano di conseguenza respinte.

In Sudafrica ad esempio, c’è una forte propensione al tribalismo nel settore privato. Pare che in certi business “bianchi”, principalmente nel settore anglofono, diano la preferenza alle loro comunità, in particolare a quelli che hanno frequentato le stesse scuole e università.

La tragica storia dell’Africa postcoloniale è che quasi tutti i movimenti di liberazione e d’indipendenza giunti al potere hanno permesso solo a una piccola parte della popolazione di godere dei privilegi. Sfortunatamente, la maggior parte di quelli che si sono arricchiti dopo l’indipendenza erano quelli che avevano connessioni e alleanze con dirigenti, famiglie, regioni e gruppi etnici al potere. Questo ha creato un vero e proprio fossato pieno di conseguenze nocive sulla salute della società.

I paesi in via di sviluppo che ce l’hanno fatta dopo la seconda guerra mondiale, in particolare quelli dell’Asia orientale, devono il loro successo al lavoro comune di un’intera popolazione e non di un solo gruppo etnico. Sarebbe quindi ora di cercare una soluzione contro questo fenomeno che rallenta chiaramente lo sviluppo dell’intero continente. Ma come riuscire a cambiare le mentalità sulla questione?

Interessante? allora metti Like e seguici
error
Andress Kouakou
About Andress Kouakou 76 Articles
Dottoressa in Mediazione linguistica e in Giornalismo e cultura editoriale, Andress Kouakou è nata in Costa d'Avorio dove ha trascorso una parte della sua adolescenza. Si è poi trasferita in Italia, all'età di 14 anni tramite ricongiungimento famigliare, dove ha proseguito la sua formazione scolastica. Prima di abbracciare il sogno delle parole, aveva scelto l'ambito meccanico nel quale ha conseguito il diploma. Un perito meccanico che sceglie le lingue, possiamo dire che la sua è una vera e propria riconversione ;) Ha così concluso il suo percorso universitario con un tirocinio a Parigi in una web radio dove ha acquisito competenze orali e tecniche.

Be the first to comment

Dai, lascia un tuo parere!