Fashion Week in RDC: Sfilano i disabili

Kinshasa, la capitale della Repubblica democratica del Congo ha ospitato per la prima volta una fashion Week per i diversamente abili alla fine di Aprile, per promuovere l’accettazione e la rimozione delle barriere che i disabili si trovano a fronteggiare quotidianamente nello stato.
Con il tema di Toza Fier, “siamo fieri” in lingala la lingua locale, 15 modelli disabili hanno sfilato esibendo creazioni di stilisti locali.
fashion
Questa prima esperienza nella R.D. del Congo è stata organizzata da Kontinental Foundation, il cui scopo era quello di incoraggiare il dialogo con i giovani disabili congolesi e cercare di renderli fieri di loro stessi e sentirsi accettati.
La fondazione Kontinental è un’organizzazione che si prende cura delle persone diversamente abili, la cui maggioranza non studia e fatica a sopravvivere. “Vogliamo cancellare gli stereotipi e cercare di dar loro una vita migliore” ha sottolineato Joaquim Malu Malu, l’organizzatore della fashion week.
Secondo il ministero della salute, circa 11 milioni di congolesi sono disabili e molti di loro non hanno accesso all’istruzione, alla sanità e al mondo del lavoro. Conseguenza: vivono in condizioni di estrema povertà.
sfilata
Molti dei partecipanti alle sfilate, si augurano che eventi come questo cambino la percezione che si ha dei disabili.
” qualche volta, ci consideriamo persone senza nessun valore rispetto agli altri – ha detto Mechaque Msimunu ai media-  ma grazie a questo evento ho acquisito fiducia in me stessa perché ho sfilato sulla passerella dimenticandomi di essere una disabile”.
congo
Esther, un’altra modella disabile ha detto ai media che il messaggio dell’evento era quello di non ignorare i disabili perché sono uguali a tutti gli altri. “Abbiamo il diritto di vivere come gli altri, possiamo andare a scuola come gli altri e siamo anche belli come gli altri”.
Niamke N. Lynda

Interessante? allora metti Like e seguici
error
Niamke N. Lynda
About Niamke N. Lynda 75 Articles
Dottoressa in Lingue e culture per l’editoria e in Giornalismo e cultura editoriale, Lynda è nata in Costa d'Avorio da madre ivoriana e padre ghanese. Trasferitasi in Italia all'età di 8 anni, vi ha seguito tutta la sua formazione scolastica. Il suo amore per l'Africa, le ha fatto decidere di fare un'esperienza in Ghana, dove ha perfezionato quelle che sono le sue conoscenze e competenze orali e tecniche nell'ambito del giornalismo.

Be the first to comment

Dai, lascia un tuo parere!