La depigmentazione artificiale della pelle, una piaga nella società nera

La depigmentazione artificiale conosciuta sotto il nome in codice di Tchatcho, Xhessal e skin bleaching, è ogni atto volontario di schiarirsi la pelle tramite l’utilizzo di prodotti cosmetici tali creme, oli e saponi a base di idrochinone, mercurio, cortisone e altri prodotti cancerogeni che alterano la melanina. Questo è un fenomeno diffuso sia nelle popolazioni nere che in quelle asiatiche, ma noi ci interesseremo all’Africa.

Come sappiamo, la melanina è un insieme di pigmenti neri, bruni e rossastri che vengono prodotti dai melanociti. Sono questi pigmenti che determinano la colorazione più o meno scura della pelle di una persona a seconda delle quantità presenti in essa. I prodotti schiarenti aggrediscono la melanina, alterandola fino a farla sparire. Una persona che si depigmenta la pelle si ritrova ad avere la stessa sensibilità degli albini.

I prodotti sono divisi in due categorie: prodotti di marca tali “Makari”, “First Lady”, “Be shiny” e prodotti per poveri. Quelli per poveri sono venduti al mercato o dalle venditrici ambulanti e sono spesso scadenti o fai date da persone non qualificate per maneggiare prodotti chimici. Persone, che si autodefiniscono “dottori della pelle” senza aver mai seguito una qualche formazione nel campo, preparano miscele pericolose che vendono a persone ingenue. Quelle miscele sono spesso fatte a base di candeggina, limone e crema lisciante per capelli, prodotti che possono creare bruciature profonde. I prodotti di marca, invece, sono fatti a base di idrochinone e cortisone che sono molto efficaci nel processo di schiarimento, ma creano una dipendenza tale da doverli usare in modo costante.

La depigmentazione causa malattie tali il mutamento della struttura dell’epiderma, la sindrome di Cushing, la dermatosi, l’invecchiamento cutaneo precoce, la cicatrizzazione lenta e il cancro della pelle.

In Italia, questo fenomeno è poco conosciuto, ma in Francia, associazioni come Esprit d’Ebène lottano ogni giorno contro la depigmentazione tramite campagne nelle metro parigine.

Campagna Esprit d’Ebène

Andress Kouakou

Annunci

Una risposta a "La depigmentazione artificiale della pelle, una piaga nella società nera"

Add yours

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Create a website or blog at WordPress.com

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: