• Mer. Apr 17th, 2024

FARAFINA'S VOICE

"La cultura non fa le persone. Sono le persone a fare la cultura. Il razzismo non dovrebbe esistere, però non vinci un biscotto se lo combatti" - Chimamanda Ngozie Adichie

Vi siete mai chiesti perché i colori delle bandiere africane sono simili tra loro? Come potete vedere i colori prevalenti sono verde, rosso, giallo e nero; ma che cosa rappresentano?

Dovete sapere che questi sono i colori di due bandiere: quella etiope e quella dell’unità africana, il panafricanismo. Verde – giallo – rosso la prima bandiera che è quella tradizionale del movimento rastafari dell’Etiopia, e rosso – nero – verde la seconda bandiera.

Dovete sapere che la prima bandiera, quella dell’Etiopia, è stata presa come modello dagli altri stati a mano che esse diventavano indipendenti. Questo perché L’Etiopia era uno stato modello di indipendenza e libertà: eccetto per la breve occupazione italiana lo stato etiope era rimasto fuori dalle influenze coloniali europee.

I colori del panafricanismo, invece, che illustrano l’orgoglio e la storia di tutti gli africani iniziano ad essere progettati nel 1900 da membri di spicco della comunità nera in America e solo nell’agosto del 1920 vennero proclamati ufficialmente nella convenzione di Madison square Garden (New York) e adottati dalla Universal Negroes Improvement Association (UNIA). Questi colori designano una precisa caratteristica comune a tutti gli stati: il Rosso indica il sangue nobile di tutta la stirpe africana versato per l’indipendenza del continente dai colonizzatori europei; il Nero sta per il colore della pelle imperiale e dignitosa della popolazione africana; il Verde indica la ricchezza naturale incontaminata del continente. Negli anni 60 in America questa bandiera era un simbolo potente di orgoglio.

Il periodo tra gli anni ’50 e ’60 sono stati il periodo della decolonizzazione Africana e il primo stato a rendersi indipendente fu il Ghana nel 1957 e la nascente repubblica adottò i colori della bandiera etiope.

Con la decolonizzazione e le varie indipendenze, gli stati iniziarono ad adottare sia i colori della bandiera etiope che quelli della bandiera panafrica combinandole tra di loro in modi differenti e attribuendo ai colori un significato particolare, significati che nel complesso però rimangono sempre gli stesi: Verde la natura incontaminata, Rosso il sangue versato, Giallo la richezza delle risorse, Nero il popolo africano.

Di Lynda Niamke

Dottoressa in Lingue e culture per l’editoria e in Giornalismo e cultura editoriale. Nata in Costa d'Avorio trasferitasi in Italia all'età di 8 anni, vi ha seguito tutta la sua formazione scolastica. L' amore per l'Africa, la port a fare un'esperienza in Ghana, dove perfeziona quelle che sono le sue conoscenze e competenze orali e tecniche nell'ambito del giornalismo.

2 commenti su “Le bandiere africane, uguali ma diverse”
  1. L’approfondimento è molto bello, però sarebbe bello se ci fosse anche un’approfondimento sulla Liberia, che mi sembra uno Stato piuttosto interessante. Molto bello il sito!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *